Tag Archives: the great beauty

Short: Sabbia by Paolo Sorrentino

1 Mag

Mentre a Cannes Sorrentino presenta Youth- La Giovinezza, oggi voglio mostrarvi un cortometraggio non convenzionale firmato proprio Paolo Sorrentino (vincitore dell’Oscar 2014 con La Grande Bellezza) per lo stilista italiano Giorgio Armani che da poco ha compiuto i suoi quarant’anni di carriera (qui il mio #Atribute per questo grande artista!). Sabbia è un corto a tratti surrealista, soprattutto per le scene dei due corpi tenuti insieme come fantocci da una corda. Voi cosa ne pensate? Questo cortometraggio riesce ad incarnare l’eleganza elemento distintivo di Armani?

While Sorrentino is attending Cannes with his last film Youth- La Giovinezza, today I’d like to show you an unconventional short by Paolo Sorrentino himself (who won the Oscar in 2014 withThe Great Beauty) for Italian designer Giorgio Armani who has just turned 40 years of amazing career. The original title is Sabbia (Sand) and it takes from Surrealism in several parts like the couple of bodies chained together with a rope. What do you think about? Is this short able to represent the Armani fine style in the best way?

Annunci

Suggestion: The flicks you’re waiting for…

14 Apr

The flicks you're waiting for!Ciao ragazzi! Oggi voglio presentarvi i trailer dei film che presto potremo andare a vedere nelle sale. Sono rimasta molto colpita da ognuno di questi trailer per ragioni diverse, alcune positive altre negative XD Allora cominciamo!

Inside Out di Pete Docter è stato realizzato da Disney Pictures e prodotto da Pixar Animation Studios. Mi ricordo i tutti i cartoni che più mi hanno appassionato fin da quando ero piccola: Monsters & Co., Toy Story, Up!… questo sarà sicuramente interessante e divertente!

La fantascienza è un genere difficile da mettere su schermo, ma quando l’operazione riesce, il risultato è sorprendente e a dir poco profetico. I miei preferiti? Blade Runner, eXistenZ, Gattaca, I figli degli uomini… Ex Machina di Alex Garland (autore di Non Lasciarmi) propone il tema degli umanoidi e dei sentimenti che potrebbero provare. Già Her di Spike Jonze si era cimentato in questo tema, con scarsi risultati a mio avviso, dato che il film si è trasformato in una sequenza di noiose e lente battute di mal d’amore. Da trailer direi che questa volta Garland potrebbe avvicinarsi ai miei gusti un po’ più action, ma che inducano a riflettere.

Youth-Giovinezza è l’ultimissimo lavoro di Sorrentino che uscirà a maggio. Già vincitore del Premio Oscar per La grande bellezza, spero che non sia una sua copia ripetitiva ad hoc per accaparrarsi un altro Oscar (il titolo comunque è già bello che pronto in inglese, non si sa mai), anche se stile, personaggi e musiche sono molto simili.

Quale film non vedete l’ora di vedere? 😉

Hello people! Today some good teasers about coming soon films. I’m fascinated by every flicks I’m gonna to show you for different reasons, some good some bad XD Let’s begin!

Inside Out by Pete Docter. Produced by Pixar Animation Studios and released by Walt Disney Pictures. I’ve been loving Cartoons such as Monsters & Co., Toy Story and Up! since I was a child and finally here another interesting cartoon I’m looking forward to see! I bet it will be great!

I love sci-fi movies at all! Some of my favourite? Blade Runner, eXistenZ, Gattaca, Children of MenEx Machina by Alex Garland (who shot also Never Let Me Go) looks pretty good, because humanoids are the technology of the future and this time the plot is based on the feelings between a man and a robot. I hope it won’t be too sentimental as Her by Spike Jonze, a missed opportunity in my opinion, but the trailer is not boring and lazy like that.

Youth by Paolo Sorrentino, who won an Oscar for The Great Beauty, released this new coming soon film on May. Well, soundtracks, style, characters are similar to The Great Beauty ones, hope it won’t be a copy of it.

What film you’re looking forward to seeing? 😉

Suggestion: 10 dresses you will fall in love with!

15 Mar the dresses you could die for

Ciao a tutti! Non vi è mai capitato di rimanere a fissare per tutta la durata di un film un’attrice con un vestito bellissimo e poi di andarlo a cercare subito dopo su Internet? A me tantissime volte e quindi oggi desidero parlare con voi dei vestiti del cinema che più ci hanno affascinato. Mi sono sempre chiesta quale sarebbe stato il vestito che avrei indossato più volentieri se mai fossi stata un’attrice, ma in realtà ce ne sono tanti per cui io personalmente impazzisco. Perciò ho stilato una lista di tutti i costumi che vorrei davvero indossare se mai fosse possibile! P.S.: vedere dal vivo il vestito de Il Gattopardo è stato emozionante, tanto che ho scattato una foto a sgamo e l’ho postata qui.

Hi people! Have you ever been struck by a dress while you’re watching a movie? Have you ever searched it after the movie on the web? I always wondered what kind of dress I would wear in a film if I had ever been an actress, but actually there are many dresses I would go crazy for. I’m gonna try to make a list here below and I’m gonna make it as accurate as possible. What’s your favourite one?

  • Claudia Cardinale looks stunning in her Piero Tosi dress, acting Il Gattopardo by Luchino Visconti. I’ve got the luck to take a pic of this wonderfull dress during an exhibition times ago!

Il Gattopardo Piero Tosi CinemaLiquido

The dresses you could die for

  • Milena Canonero is an artist (she won so many Oscar in her career!) and I love every work she does, firstly costumes for Marie Antoinette (by Sofia Coppola) playing by Kirsten Dunst.

Marie Antoinette Cinema Liquido Cinema: exhibition in Rome

  • Always worth putting Grace Kelly in a ranking, because she always wins! This is her outfit in To Catch a Thief (Caccia al ladro) by Alfred Hitchcock, a blue chiffon dress reminding the Greek tunics by Edith Head.

Grace Kelly Cinema Liquido

  • Audrey Hepburn is an icon, and she hits the top in Beakfast at Tiffany’s wearing Givenchy. It’s my favourite dress because is not elegant at all, but the girl who wears it makes it stunning.

Breakfast at Tiffany's CinemaLiquido

  • Diane Keaton looks so characteristic in Ralph Lauren tomboy mood acting in Annie Hall by Woody Allen. Even if it’s not a feminine dress, I wanna include it in my ranking because pieces match perfectly up together (Fedora hat, tie and vest) and because I love women with a men’s style, they seems to know what they want from life!

Ralph Lauren annie Cinema Liquido

Ralph Lauren annie Cinema Liquido

  • Keira Knightley wears the kind of dress (by Jaqueline Durran) that best fits on her, acting Atonement (Espiazione) by Joe Wright.

Espiazione Cinema Liquido

  • How can I forgot Marilyn Monroe who made history with her white fluttery dress? Here all that you have to know about the iconic dress!

The dresses you could die for

  • Gone with the wind (Via col Vento) by Victor Fleming starring Clark Gable and Vivien Leigh is my favourite colossal ever. Here below the stunning dress worn by Rossella O’Hara and made by Walter Plunkett. I love that film for its characters, for its plot and for Rossella mood.

The dresses you could die for

  • When I saw Alice in Wonderland by Tim Burton, firstly I set my attention to the dresses; Mia Wasikowska looked so stunning in her Collen Atwood blue and red dresses, I think it’s the kind of dress that best fits on Alice’s character.

The dresses you could die for

  • Not only female dresses are the best masterpices in the history of cinema, but also male ones! My favourite ones are Toni Servillo’s outfits in La Grande Bellezza, made by Daniela Ciancio.

The dresses you could die for

Reviews: The Great Beauty

5 Mar
La Grande Bellezza
La grande bellezza (The Great Beauty) by Paolo Sorrentino has won the Academy Award for Best Foreign language Film. 
What is the topic? It’s not only a man story, but the whole mankind story: there’s parties’ entertainment, a whole fun-lovings’ generation, without thoughts and worries, but there’s also the void around us, inside us. However there’s some dissatisfaction, even if we think to get all we want: not all we get is beautiful, there’s something missing, indeed a void. Jep is mankind looking for a beauty that really meets his needs, so he usually walks down the streets around Rome (there are beautiful framings of Rome landscapes) seeking after an unknown beauty. Only once he has the possibility to come up to beauty, it happened when he was a teenager chasing after a beautiful girl and discovering love.
The film refers to the Decadent movement, because shows us the rejection of what is fake and considered “progress” (as all material things). It shows Jep’s walk of life step by step, according to Kierkegaard Existentialism: a man grows up by going through aesthetic life (enterteinment), ethical life and religious life (when Jep met La Santa). 

It seems a little theatre where every man’s playing his role, according to Fellini style.

The last scene tells us the sense of great beauty:
 
 
  

Reviews: La Grande Bellezza

5 Mar
La Grande Bellezza
 

Here is again the review about La grande bellezza (The great beauty) by Sorrentino, that has won the Academy Award for Best Foreign language Film. 15 years ago Roberto Benigni won the same award with La vita è bella (Life is beautiful) and now Italy returns to the roots of its own art, with a quite similar theme: the beauty.
Decadentismo. Questa è la parola più appropriata da utilizzare per spiegare il significato del nuovo film di Paolo Sorrentino La grande bellezza, presentato con successo al Festival di Cannes 2013. Anche in quest’occasione troviamo un protagonista solitario, proprio come in This must be the place e ne Il divo: Jep (Toni Servillo), giornalista, scrittore di un unico romanzo di successo, grande estimatore della Roma ricca e mondana.
Il suo obiettivo è sempre stato quello di “non essere semplicemente un mondano” ma di “diventare il re dei mondani”. 


Ci troviamo di fronte ad un personaggio ambivalente e assolutamente ben studiato sotto ogni aspetto per rendere al meglio il dualismo di cui si fa portatore: l’abbigliamento dal gusto dandy e le feste frequentate ogni notte rappresentano il suo modo estroso di apparire, ma le sue riflessioni lungo le vie silenziose di Roma, lungo il Tevere, il suo accento napoletano che rievoca le sue origini e che talvolta lo riporta bruscamente col pensiero alla sua giovinezza e al suo primo amore, ci lasciano intravedere un lato sopito e timido di Jep, il lato umano che ci rende tali per definizione, che ci spinge a chiuderci in noi stessi e a fare il punto della nostra esistenza.
Jep è alla ricerca della bellezza, come ogni uomo su questa Terra; non si tratta di estetica, di materia, ma solo di spirito e di libertà. Una libertà che non ha nulla a che vedere col decidere a quale nuova festa si parteciperà, quale nuovo posto si visiterà, quale nuovo viaggio si farà, ma che riguarda esclusivamente l’animo. 
Così comincia il percorso catartico di Jep, all’età di sessantacinque anni, alla morte del suo primo e unico amore di gioventù, una ragazza conosciuta in vacanza, dalla quale, per la prima e ultima volta e per un breve istante, era riuscito a scovare quello sprazzo di bellezza pura che tanto ricercava. 

Da quel momento, trasferitosi a Roma, era stato fagocitato dalla vita benestante e aveva perso la strada per la bellezza. Jep può essere definito anche un uomo kierkegaardiano. Secondo il filosofo esistenzialista Kierkegaard l’uomo compie tre stadi per arrivare alla sua dimensione interiore: vita estetica (quella di Jep a Roma), vita etica (l’amicizia di Jep con Ramona, una spogliarellista quarantenne gravemente malata) e vita religiosa (l’incontro con “La Santa”, una suora missionaria). Questa ascesi dalla mondanità ai valori rende Jep un eroe decadente: egli vive nell’estetismo della sua ricca vita, ma anche nel superomismo quando aspira a diventare il re dei mondani. Il film ha per protagonista un novello Dorian Gray, un dandy alla ricerca della pura bellezza che ritrova, a differenza di Jep, in un volto fisico. 

Tuttavia Sorrentino non poteva rendere un protagonista in modo così preciso ed impeccabile senza creare il giusto contesto e i giusti personaggi che agiscono sulla scena.
Proprio per questo vediamo agire ogni tipo di personaggio, dagli amici scrittori alle donne in carriera, dai bambini prodigio alle ragazze immagine, dai boss della malavita ai cardinali, in un susseguirsi di ambienti diversi, dai locali mondani ai party del botox alle vie solitarie di Roma. Le scene che compongono il film sembrano non avere collegamento logico tra di loro, talvolta hanno come protagonista Jep, talvolta vedono protagonisti altri personaggi con le loro vicende personali; Sorrentino riesce proprio in questo modo apparentemente sconnesso a dare l’impressione del flusso incessante della vita, delle vicissitudini umane, dei pensieri e delle menzogne che popolano la nostra esistenza. 

“E’ tutto sedimentato sotto il chiacchiericcio e il rumore, il silenzio e il sentimento, l’emozione e la paura… gli sparuti e incostanti sprazzi di bellezza. E poi lo squallore disgraziato e l’uomo miserabile”

Alla fine Jep avrà l’opportunità di comprendere: “La Santa”, suor Maria, è una missionaria che fa eco a suor Maria Teresa di Calcutta. Solo osservando la sua totale comunione con la natura, la sua devozione per ogni creatura vivente e la sua fede indistruttibile, Jep comprenderà il segreto della grande bellezza, qualcosa che va oltre tutto ciò che circonda i comuni esseri umani, ma che ha a che fare col loro lato immortale. 

Per un attimo afferrerà il significato della vera bellezza e del senso della vita:

“Finisce tutto così, con la morte. Prima però c’era la vita, nascosta dal bla bla bla incessante che adoperiamo solo per nascondere i nostri veri pensieri alla mente”

Di straforo vorrei sottolineare l’interessante confronto tra due figure di fede, il vescovo amante di cucina e “La Santa”, che vengono brillantemente contrapposte come portatrici di due fedi e stendardi diversi: la chiesa ricca che ha perso la fede e quella povera che la vive ogni giorno.

Non c’è altro da aggiungere, tutto il resto è da vedere.
Nomination per la Palma d’Oro, per il Nastro d’argento e per il Globo d’oro più che meritate.






News: the best 10 movies according to France

13 Gen
According to Cahiers du Cinéma, one of the most important film rating magazine, the best movies broadcated in France during 2013 are:
10- La Bataille de Solferino (Justine Triet)
9- Les rencontres d’après minuit (Yann Gonzalez)
8- Nobody’s Daughter Haewon (Hong Sang-soo)
7- La Jalousie (Philippe Garrel)
6- Lincoln (Steven Spielberg)
5- A touch of sin (Jia Zhang-Ke)
4- Gravity (Alfonso Cuaròn)
3- La vie d’AdèleLa vita d’Adele (Abdellatif Kechiche)
2- Spring Breakers (Harmony Korine)
1- L’inconnu du lac – Lo sconosciuto del lago (Alain Guiraudie)

In my opinion this is a poor outline. The American movies like Lincoln, Gravity and Spring Breakers are lousy: none of these is innovative, maybe they have some qualities, like the human birth analogy in Gravity or the portrait of the new generation like Spring Breakers even if The Bling Ring is better. The French ones like La vie d’Adèle and L’inconnu du lac are about homosexual love, a current theme, but both the directors have focused on a wrong side of this kind of love, in fact hard scenes are not necessary and they can make the film superficial and intentionally controversial.

Now here are the Liquid Cinema’s suggestions: indeed, there are no shining stars, but remarkable movies. 

  • La Grande Bellezza by Sorrentino, quite shining star: Italy is sketched as a dramatic poetry thanks to the main character and his thoughts.

The others are only good movies, without revolutionary ideas. 

  • The Great Gatsby by Baz Luhrmann is faithful to Fitzgerald novel and to its spirit against social convention, but it’s innovative in soundtracks and setting. 
  • The Bling Ring by Sofia Coppola is the best portrait of 2013 on the new generation. 







%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: