Short: Giada Colagrande and Braga+Federico

2 Gen

There are many different ways to tell a story, but I think one is the most powerfull: the cinema. This time I wanna show how the Fashion houses tell about their collections through their own points of view and imagination. D&G chose a tradinional way to show their new watches line, telling a story about a child, Matilde (Matilde Balti) and starring Bianca Balti; no dialog, only images, like fashion ad (as you can see here). An indipendent art direction studio “Braga+Federico” provided to create an originial advertising campaign for Matilde! by D&G.

Ci sono diversi modi di raccontare una storia, ma a mio avviso quello più efficace ed affascinante è il cinema. Questa volta vorrei mostrarvi come i brand si raccontano utilizzando mezzi e immaginazione differenti. D&G ha scelto un modo molto semplice, ma non per questo poco stiloso, per raccontare Matilde!, la sua nuova linea di orologi. Matilde (Matilde Balti) è una bambina affascinata dal mondo degli orologi e decide di fare un regalo alla sua mamma (Bianca Balti). La produzione del video è stata affidata ad un’agenzia specializzata, “Braga+Federico”, che ha creato un corto molto simile alle pubblicità che vi ho mostrato in questo post.

Miu Miu prefered to entrust its new collection ad to short movies by young and emerging directors, this one The Woman Dress by Giada Colagrande. Soundtrack by the pop-electronic band Au Revoir Simone (who play the three witches in the short) and starring Italian actress Maya Sansa. This is not only an ad, this is an unconventional surrealist fashion movie. The plot is about three witches who change a woman in a Miu Miu dress with odd formula. The room where the ritual is done is full of Miu Miu dresses hanged up at the wall, so many women were changed before her. So trasformation is the right metaphor to highlight the link between women’s desires and fashion, as happen in old Greek myth.

Miu Miu ha preferito affidare la sua nuova collezione a registi emergenti; in questo post vi presento The Woman Dress di Giada Colagrande. L’ambientazione surrealista e il tema della metamorfosi, tratto dal mito greco, rendono questo cortometraggio molto più che una semplice pubblicità. Tre streghe (il trio Au Revoir Simone creatore anche della colonna sonora) operano una metamorfosi trasformando l’attrice italiana Maya Sansa in un abito Miu Miu. La stanza è ricca di vestiti Miu Miu appesi alla parete, a testimonianza delle numerose fatture avvenute prima nei confronti di altre donne. Una metafora molto forte gestita con maestria dal brand, che attraverso il tema del sogno e della metafisica racconta il legame imprescindibile che intercorre tra la moda e il più grande desiderio femminile.

Here below The Woman Dress behind the scenes. Qui sotto il dietro le quinte!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: