Shorts: Tim Burton

16 Gen
Vincent by Tim Burton was created in stop motion when he was still working at Walt Disney Animation Studios in 1982.
This short is influenced by Edgar Allan Poe’s tales and their gothic atmosphere that Burton loves if you remember films such as Sweeny Todd or Nightmare Before Christmas.
Tim Burton’s main character is Vincent Malloy who wants to be similar to Vincent Price, an actor known for his horror films and for his role in Edward Scissorhands as the inventor of Edward. Vincent plot is resumed by Burton in Frankenweenie‘s 1984 and 2012
After shooting Frankenweenie (here is Vincent and Frankenweenie together) in 1984 Tim Burton was fired from Disney, even if he received an Oscar nomination. 
Here below you can read the rhyme created by Burton to tell Vincent story!
Vincent Malloy is seven years old
He’s always polite and does what he’s told
For a boy his age, he’s considerate and nice
But he wants to be just like Vincent Price

He doesn’t mind living with his sister, dog and cats
Though he’d rather share a home with spiders and bats
There he could reflect on the horrors he’s invented
And wander dark hallways, alone and tormented

Vincent is nice when his aunt comes to see him
But imagines dipping her in wax for his wax museum

He likes to experiment on his dog Abercrombie
In the hopes of creating a horrible zombie
So he and his horrible zombie dog
Could go searching for victims in the London fog

His thoughts, though, aren’t only of ghoulish crimes
He likes to paint and read to pass some of the times
While other kids read books like Go, Jane, Go!
Vincent’s favourite author is Edgar Allen Poe

One night, while reading a gruesome tale
He read a passage that made him turn pale

Such horrible news he could not survive
For his beautiful wife had been buried alive!
He dug out her grave to make sure she was dead
Unaware that her grave was his mother’s flower bed

His mother sent Vincent off to his room
He knew he’d been banished to the tower of doom
Where he was sentenced to spend the rest of his life
Alone with the portrait of his beautiful wife

While alone and insane encased in his tomb
Vincent’s mother burst suddenly into the room
She said: “If you want to, you can go out and play
It’s sunny outside, and a beautiful day”

Vincent tried to talk, but he just couldn’t speak
The years of isolation had made him quite weak
So he took out some paper and scrawled with a pen:
“I am possessed by this house, and can never leave it again”
His mother said: “You’re not possessed, and you’re not almost dead
These games that you play are all in your head
You’re not Vincent Price, you’re Vincent Malloy
You’re not tormented or insane, you’re just a young boy
You’re seven years old and you are my son
I want you to get outside and have some real fun.”

Her anger now spent, she walked out through the hall
And while Vincent backed slowly against the wall
The room started to swell, to shiver and creak
His horrid insanity had reached its peak

He saw Abercrombie, his zombie slave
And heard his wife call from beyond the grave
She spoke from her coffin and made ghoulish demands
While, through cracking walls, reached skeleton hands

Every horror in his life that had crept through his dreams
Swept his mad laughter to terrified screams!
To escape the madness, he reached for the door
But fell limp and lifeless down on the floor

His voice was soft and very slow
As he quoted The Raven from Edgar Allen Poe:

“and my soul from out that shadow
that lies floating on the floor
shall be lifted?
Nevermore…”
 
Con il cortometraggio Vincent del 1982, realizzato quando Burton lavorava ancora per la Walt Disney Animation Studios, il regista fa utilizzo della tecnica della stop motion. Già in questo lavoro emergono le caratteristiche gotiche ispirate ai racconti dello scrittore americano Edgar Allan Poe che poi contrassegneranno tutti i suoi lavori successivi (basti pensare al macabro Sweeney Todd o alle animazioni di Nightmare Before Christmas e di La sposa cadavere). 
La storia di Vincent Malloy che vuole somigliare a Vincent Price (attore statunitense conosciuto per avere interpretato film horror e non solo, come ad esempio la sua presenza nel film di Burton Edward mani di forbice in cui recita la parte dell’inventore di Edward) è ripresa dallo stesso Burton in un riadattamento, Frankenweenie. Qui di seguito riporto la filastrocca, ideata dallo stesso Burton, che fa da sfondo al racconto di Vincent.

Vincent Malloy è un bravo bambino Ha sette anni ed è assai per benino. Per la sua età ha virtù assai rare, Ma a Vincent Price vuol somigliare. Ha un gatto un cane ed una sorella Ma vuole soltanto una vita più bella. In orridi antri per meglio sognare Con rettili e topi vorrebbe abitare. Con loro vivrebbe incredibili orrori Sentendosi preda di ghiacci sudori. Vagare vorrebbe in tenebra oscura
Sfidando pericoli senza paura. Con larghi sorrisi accoglie la zia Né mai vorrebbe lasciarla andar via.
Immagina infatti con grande piacere Di farne una statua per il museo delle cere. Sevizia ogni giorno il suo cane Abercrombie Sperando di trarne un orribile zombie Col quale poter nella nebbia vagare
Per fare poi strage di vittime ignare. Non vuole soltanto incuter paura Adora egualmente lettura e pittura. Pinocchi e fatine non legge però Lui adora soltanto i racconti di Poe. Una notte leggendo alla fievole luce Fece un sobbalzo a una storia sì truce: La giovane moglie che tanto adorava
Giaceva ancor viva nella sua bara! Con impeto folle si mise a scavare, Quell’orrido dubbio voleva fugare. Ma ciò che scavava scoprì che in realtà Era solo l’aiuola che amava mammà. In camera chiuso si ritrovò Ed esser recluso si immaginò. Il solo conforto in tanto dolore Era il ritratto del grande suo amore. Mentre languiva angosciato e disfatto La madre arrivò e lo colse sul fatto.
Disse: “Se vuoi puoi andare a giocare Fuori c’è il sole ti devi svagare!” Tentò di parlare ma gli mancò il fiato, La triste prigione lo aveva fiaccato. Scrisse: “son vittima di una magia, Da questa torre non potrò mai andar via”. La madre rispose: “ma che prigioniero via dalla testa questo sciocco pensiero! Non sei Vincent Price, sei Vincent Malloy dovrai pur comprenderlo, no, prima o poi! Non sei né pazzo né tormentato, La vita non ti ha ancora neanche sfiorato. Sei solo un bambino di sette anni Va a divertirti e abbandona gli affanni!” La mamma calmata la stanza lasciò E Vincent distrutto al mur si appoggiò. Fu allora che tutto si mise a tremare E dalla pazzia si lasciò trasportare.
Udì Abercrombie il suo cane latrare Sentì sua moglie dalla tomba chiamare. Orrende cose la donna chiedeva E con mani scheletriche si protendeva. L’orrore suo esplose in risata assordante Che in breve divenne un urlo agghiacciante. In preda a follie alla porta arrivò Ma lì senza vita al suol si accasciò. Con flebile voce il ragazzo citò Le parole del corvo di Edgar Allan Poe: “L’anima mia da quell’ombra laggiù Non si solleverà mai più Mai più Mai più”.

Con il cortometraggio del 1984 intitolato Frankenweenie (il video che ho linkato è in inglese e comprende anche il cortometraggio Vincent), Tim Burton fu licenziato dalla Disney per avere sprecato i fondi della ditta di produzione. 

Ricevette una nomination agli Oscar, ma fu vietato ai ragazzi sotto i quattordici anni e non ebbe molto successo di pubblico; nel 2012 Tim Burton ne ha tratto un film d’animazione (sezione Trailer). 
Il cortometraggio in italiano è qui.




Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: